Ridimensionare le foto in blocco con Irfanview

Giovanni Bernardo | 5 gennaio 2008
Categorie: Grafica - Software gratuito

 

irfanview.gif Spesso si ha l’esigenza di convertire e magari anche rinominare un gruppo di foto per poterle inviare via email o caricare sul proprio spazio web o sul blog. La conversione viene fatta per ridurre le dimensioni dei files in maniera da caricarli più velocemente. A tale scopo può essere utilizzato il programma IrfanView che oramai è diventato uno dei visualizzatori di immagini più popolari in internet grazie alla semplicità di utilizzo, alla ridotta richiesta di risorse e alla moltitudine di files che riesce a visualizzare mediante anche l’installazione di appositi plug-in disponibili sempre gratuitamente sul sito dello sviluppatore. La cosa bella di IrfanView è che, pur essendo un programma molto potente e ricco di funzioni, è completamente GRATUITO!

Installazione di Irfanview
Cominciamo con lo scaricare Irfanview (attualmente l’ultima versione è la 4.10) dal sito ufficiale (www.irfanview.com), scarichiamo anche il plugin per tradurlo in italiano dalla pagina http://www.irfanview.com/languages.htm. Installiamo Irfanview, al termine dell’installazione copiamo il file del linguaggio (Italian.DLL) nella cartella “Languages” dell’installazione del programma (generalmente C:\Programmi\Irfanview\Languages). Avviamo e selezioniamo “Options” dal menù, quindi “Change Language”, selezioniamo “ITALIAN.DLL” dalla finestra che appare e quindi clicchiamo su OK.

Consiglio inoltre di impostare anche altri parametri che, almeno a mio avviso, migliorano l’utilizzo di Irfanview rendendolo migliore del visualizzatore integrato di Windows: Menù Opzioni-> Proprietà

Nella scheda JPG/PCD/GIF spuntare l’opzione “Ruota automaticamente l’immagine in base ai dati EXIF”, questa opzione serve a girare le immagini automaticamente in caso che la macchina fotografica sia in grado di capire se l’immagine è stata scattata in orizzontale o in verticale. In questa scheda spuntare anche le opzioni “Riproduci GIF animate” e “Mostra trasparenza anche nelle GIF non animate” (in questo caso però per alcune GIF potreste avere dei problemi di visualizzazione).

Nella scheda Estensioni io consiglio di far leggere ad IrfanView soltanto le immagini in quanto per i video e per l’audio ognuno generalmente utilizza il proprio player preferito, cliccate quindi il pulsante “Solo immagini” e selezionate l’opzione “Carica solo i tipi associati esaminando le cartelle”.

Nella scheda Schermo intero, consiglio di selezionare l’opzione “Adatta allo schermo: solo immagini grandi”.

Nella scheda Varie 1 consiglio di spuntare tutte le opzioni disponibili tranne le ultime due. Notiamo che IrfanView riconosce che un file è JPG anche se ha l’estensione BMP e quindi possiamo scegliere che ci avvisi dicendo di mettere l’estensione corretta.

Con queste opzioni quando andrete a cliccare su un file immagine, questo verrà visualizzato direttamente a tutto schermo e potrete scorrere tra le immagini con i tasti Pg su/Pg giu o con la rotella del mouse, per far apparire il menu di IrfanView basta che premete Invio sulla tastiera, per chiudere premete ESC.

 

Conversione delle immagini in serie
Eccoci arrivati alla parte interessante, la conversione in serie delle immagini, con questa funzione possiamo, in una sola passata, ridimensionare, convertire in altro formato, ridurre di qualità, ruotare e rinominare tutte le foto che vogliamo in maniera efficiente e con sforzo praticamente nullo.

Cliccate sul menù “File” e selezionate quindi “Converti/Rinomina in serie”.

Dalla finestra “Cerca in” selezioniamo la cartella che contiene le nostre immagini, suppongo che vogliate convertire tutte le immagini per cui cliccate sul tasto “Aggiungi Tutti”, altrimenti selezionate le foto una ad una (è possibile vederle spuntando l’opzione “Anteprima”) e quindi cliccate il tasto “Aggiungi” avendo selezionato solo le foto che vi interessano. A questo punto tutti i files che vogliamo convertire si troveranno nel riquadro sinistro dal titolo “File origine”.

Nella casella “Cartella destinazione” clicchiamo su “Sfoglia” e selezioniamo la cartella in cui ci interessa salvare le immagini convertite.

Eccoci giunti alla parte piu corposa dell’operazione: la scelta delle operazioni da effettuare, supponiamo di volere soltanto convertire le immagini (ovvero cambiare il formato o magari soltanto ridimensionarle tutte), selezioniamo l’opzione “Conversione in serie”, nella casella “Formato di destinazione” scegliamo il formato che ci interessa (generalmente JPG – JPEG Format), clicchiamo quindi sul tasto “Opzioni”, qui consiglio di rimanere ivariate tutte le impostazioni e magari spostare soltanto il cursore relativo alla qualità impostando un valore di 80 che è un buon compromesso tra grandezza del file e qualità della foto, cliccare quindi OK su questa finestra. Se vogliamo anche ridimensionare le foto allora spuntiamo l’opzione “Usa opzioni avanzate” e cliccate sul tasto “Imposta opzioni avanzate”. Come potete vedere nella finestra che appare ci sono numerosissime opzioni che vi potete divertire a muovere (è interessante anche la funzione per aggiungere del testo in sovraimpressione alle immagini o una cornice), tralasciamo tutte le opzioni e impostiamo solo quella che ci interessa ovvero “Ridimensiona” spuntando la casella relativa; ci sono numerose opzioni di ridimensionamento, selezioniamo “Imposta nuove dimensioni” – “In pixel”, selezioniamo quindi “Imposta il lato più lungo” e scriviamo la dimensione in pixel che ci interessa, ad esempio “1024″ e spuntiamo quindi l’opzione “Mantieni le proporzioni”, in questo modo tutti i lati lunghi delle foto saranno ridimensionati a 1024 pixel e il lato più corto sarà ridimensionato in proporzione. Cliccare quindi su OK, per avviare la conversione premere sul tasto “Avvia” in alto a sinistra.

Se vogliamo anche rinominare le foto, nella zona “Operazione” anzichè selezionare “Conversione in serie” selezioniamo “Conversione in serie – Rinomina i file risultanti”. La cosa più semplice è dare alle foto un nome del tipo “nome-numero”, supponiamo di voler rinominare le foto di Pasquetta, andremo a scrivere nel campo “Filtro del nome” : “Pasquetta_####” dove #### rappresenta il numero progressivo che verrà dato alle foto, che cosi dopo la conversione si chiameranno Pasquetta_0001, Pasquetta_0002 ecc ecc… Ci sono anche altre opzioni di rinomina che possono essere scelte cliccando sul tasto “Opzioni rinomina”…. Fate delle prove con tutte le opzioni per capire quelle che piu si adattano alle vostre esigenze avendo però sempre l’accortenza di avere delle copie di backup delle foto che andrete a modificare con questo procedimento.

Puoi andare alla fine dell'articolo e lasciare un commento. I trackback e i ping non sono attualmente consentiti.

  1. #1 da luka il 28 gennaio 2008

    grazie mille molto utile

  2. #2 da michele44 il 20 febbraio 2008

    grazie per l’articolo: veramente molto utile

  3. #3 da Pablito il 10 marzo 2008

    Utilissimmo!Grazie davvero…mi ha fatto risparmiare molto tempo ed è stato semplicissimo da usare.

  4. #4 da andrea il 25 marzo 2008

    Grazie grazie ….

    A buon rendere.

    Salutoni

    Andrea

Devi essere collegato per lasciare un commento.

  1. Ancora nessun trackback
Settorezero.com e il logo Zroid™ ©2007÷2017 Giovanni Bernardo - E' vietata la copia e la distribuzione anche parziale dei contenuti di questo sito web senza l'esplicito consenso dell'autore. I contenuti di settorezero.com sono distribuiti sotto una licenza Creative Commons Attribuzione-Non Commerciale-Non Opere derivate 2.5 Italia e sono soggetti alle condizioni definite nel disclaimer. Settorezero.com e tutti i suoi contenuti sono tutelati dalla legge sul diritto d'autore per cui i trasgressori sono perseguibili a norma di legge. Settorezero fa uso dei cookie leggi l'informativa estesa. Il tema di questo sito è basato sul tema Fusion per wordpress, realizzato originariamente da digitalnature e fa uso del plugin Wassup per il computo delle statistiche. Per contattare l'autore siete pregati di utilizzare la sezione contatti. Siamo presenti anche su Facebook e, meno assiduamente, anche su Twitter - Tumblr - Google+ - Blogspot - Youtube.
Creative Commons BY-NC-ND 2.5