Riposa in pace, Jack

Ieri, proprio nel giorno di Pasqua, se n’è andato un altro grande uomo. Un’ altra persona che con il suo intuito e il suo ingegno ha influenzato in maniera significativa la storia dell’home computer.

Jack Tramiel, fondatore della Commodore, è morto ieri all’età di 83 anni in California. Attualmente non sono state rese note le cause della morte. Tramiel è stato principalmente un uomo d’affari. E’ passato dalle calcolatrici meccaniche a quelle elettroniche e infine agli home computer seguendo l’idea di Chuck Peddle di abbandonare le calcolatrici e dedicarsi piuttosto ai computer. E’ sopravvissuto ai campi di concentramento nazisti.

Ora senza di lui, probabilmente nemmeno io starei qui a scrivere articoli sull’elettronica embedded dato che il suo Commodore64, l’oggetto al quale più di tutti sono affezionato, è stata la scintilla che ha aperto la mente a milioni di persone a tuffarsi in questo mondo così affascinante… fatto di macchine create dall’uomo, che eseguono programmi scritti dall’uomo e… che spesso si prendono gioco di noi, facendoci impazzire settimane intere.

Addio Jack, e grazie per tutte le cose grandiose che hai contribuito a diffondere e creare.

Puoi andare alla fine dell'articolo e lasciare un commento. I trackback e i ping non sono attualmente consentiti.

  1. #1 da fgduet il 10 aprile 2012

    Come e’ successo a te di iniziarti col Commodore, sara’ successo a tantissime altre persone, me compreso (in realta’ il C64 e’ arrivato dopo, il primo e’ stato il VIC-20)! Partire a programmare senza alcuna base, in basic, poco piu’ che quindicenni, come dire, il futuro a portata di mano. Un Saluto a Jack Tramiel.

    • #2 da Giovanni Bernardo il 10 aprile 2012

      Io iniziai col Commodore16, ma fu un questione di pochi mesi. Mio padre lo vendette subito per comprare il Commodore64. Del Commodore16 ci tenemmo il registratore, che usavo sul 64 con un adattatore. Il 16 aveva di bello che potevi disegnare da subito nei programmi usando comandi come circle, line ecc… cosa che sul 64 potevi fare utilizzando programmi appositi tipo il mitico Simon’s Basic…. bei tempi

  2. #3 da stefano il 10 aprile 2012

    io invece ho iniziato con il ZX Spectrum +, si programmava achesso in basic, ricordo che mi feci un corso di programmazione. Come il commodore 64, anche lui usava un registratore per registrare programmi creati o avviarli, bastava un registratore a cassette di qualsiasi tipo, basta che avesse un ingresso e uscita audio (jack).

Devi essere collegato per lasciare un commento.

  1. Ancora nessun trackback
Settorezero.com e il logo Zroid™ ©2007÷2017 Giovanni Bernardo - E' vietata la copia e la distribuzione anche parziale dei contenuti di questo sito web senza l'esplicito consenso dell'autore. I contenuti di settorezero.com sono distribuiti sotto una licenza Creative Commons Attribuzione-Non Commerciale-Non Opere derivate 2.5 Italia e sono soggetti alle condizioni definite nel disclaimer. Settorezero.com e tutti i suoi contenuti sono tutelati dalla legge sul diritto d'autore per cui i trasgressori sono perseguibili a norma di legge. Settorezero fa uso dei cookie leggi l'informativa estesa. Il tema di questo sito è basato sul tema Fusion per wordpress, realizzato originariamente da digitalnature e fa uso del plugin Wassup per il computo delle statistiche. Per contattare l'autore siete pregati di utilizzare la sezione contatti. Siamo presenti anche su Facebook e, meno assiduamente, anche su Twitter - Tumblr - Google+ - Blogspot - Youtube.
Creative Commons BY-NC-ND 2.5