Creative Commons BY-NC-ND 2.5Questo sito e tutto il suo contenuto sono distribuiti sotto la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia e con le condizioni d'uso definite nel disclaimer: siete pregati di leggere entrambi questi documenti prima di usufruire dei contenuti di questo sito. Per alcuni contenuti è necessaria una registrazione gratuita: non è necessario pagare e non è necessario accumulare punteggi per accedere agli articoli e scaricare i sorgenti: basta solo essere onesti. Se volete che questo sito continui a rimanere attivo, a contribuire ogni giorno alla diffusione della cultura libera, non copiate il materiale per ripubblicarlo in altri luoghi. Se volete partecipare su settorezero e rendere le vostre idee, i vostri progetti, fruibili da tutti senza limitazioni potete farlo tranquillamente.

ZeroTerm : software emulazione terminale per comunicazioni seriali alternativo ad HyperTerminal

Autore: Giovanni Bernardo | Data pubblicazione: 4 dicembre 2016
Categorie: Elettronica Hacking SettoreZero Software gratuito Visual Basic

ZeroTerm nasce come un semplice esperimento nato da vari studi, in Visual Basic dot net, di sviluppare un sistema di comunicazione seriale stabile ed affidabile nel tempo, sviluppato per esigenze industriali. Lo sto utilizzando nei miei vari esperimenti di elettronica embedded in cui includo sempre (almeno nei dispositivi più complessi) una comunicazione seriale per questioni di debug e comunicazione con l’interfaccia per settaggio dei parametri. Volevo una cosa semplice e come HyperTerminal ma con una manciata di funzioni in più e semplice da settare e funzionante da subito.

Vuole essere un’alternativa ad HyperTerminal meno complicata rispetto al alcuni programmi di emulazione terminale più blasonati e complessi.

Come Hyperterminal c’è la possibilità di impostare i vari parametri di comunicazione con la porta seriale, avere l’output a video, e inviare bytes semplicemente digitandoli nella finestra del terminale. In più rispetto ad HyperTerminal c’è la visualizzazione dell’Echo con un colore diverso, la possibilità di inviare pacchetti di bytes scrivendoli in un apposito riquadro (si possono scrivere anche in forma esadecimale o decimale, separandoli con spazio, virgola ecc) aggiungendo in automatico (se si vuole) anche i caratteri di nuova linea, la visualizzazione dell’output in formato esadecimale o decimale oppure semplice ASCII con la possibilità di visualizzare i caratteri non stampabili (dallo 0 al 31) espressi in forma decimale tra parentesi graffe.

C’è la possibilità di eseguire in automatico un ritorno a capo dopo un tot di caratteri (pulsante “Wrap After xx Received Bytes”), utile quando si visualizza l’output nei formati HEX o DEC per avere i dati formattati in colonna. Si possono salvare i parametri impostati con un nome per poi recuperarli (ad ogni modo gli ultimi settaggi utilizzati vengono sempre salvati e ripresi al successivo avvio del programma). Si può selezionare il testo nella finestra terminale e copiarlo nella clipboard oppure salvare tutto il contenuto della finestra come file di testo. E’ anche possibile cancellare il contenuto della finestra.

Nelle immagini seguenti ho preso ad esempio un programma scritto per Arduino che stampa i caratteri dal 32 al 126 inserendo un ritorno a capo dopo il carattere N e dopo il carattere tilde:

zeroterm_ascii

Visualizzazione ASCII

zeroterm_ascii_show

Visualizzazione ASCII con evidenziazione dei caratteri non visibili (0-31)

zeroterm_hex

Visualizzazione in Esadecimale

zeroterm_dec

Visualizzazione in Decimale

Se per caso vi interessa il codice del programma Arduino eccolo qui:

int c = 32;
void setup() 
  {
  Serial.begin(57600);
  while (!Serial);
  }
void loop() 
  {
  if (c==79) {Serial.println();}
  if (c==127)
    {
    c=32;
    Serial.println();
    }
  Serial.write(c++);
  }

ZeroTerm è ancora in versione Beta, può migliorare con il vostro Aiuto. Non necessita installazione e può anche partire da una pendrive USB. E’ solo necessario avere installato il .NET Framework 3.5 (su windows da 8 in su credo sia necessario installarlo a parte). L’ho testato su Windows XP, Windows 7 32 e 64 bit e Windows 8.1. Nella pagina con il download ci sono altre informazioni utili e sono illustrate anche altre features del programma.

Pagina con il download

L'articolo ti è piaciuto o ti è stato utile per risolvere un problema? SettoreZero è realizzato soltanto con contenuti originali: tutti gli articoli sono curati con passione dagli autori e nulla viene copiato da altri siti. Supporta e mantieni in vita SettoreZero con una donazione: basta soltanto un caffè o una birra. Puoi supportare SettoreZero anche con uno dei progetti elencati nella sezione servizi o partecipare anche tu con un tuo articolo/progetto personale.

Se desiderate che SettoreZero continui a rimanere gratuito e fruibile da tutti, non copiate il nostro materiale e segnalateci se qualcuno lo fa.

Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.

  1. Ancora nessun commento.

Devi essere collegato per lasciare un commento.

  1. Ancora nessun trackback
settorezero.com e il logo Zroid™ ©2007÷2015 Giovanni Bernardo - E' vietata la copia e la distribuzione anche parziale dei contenuti di questo sito web senza l'esplicito consenso dell'autore.
I contenuti di settorezero.com sono distribuiti sotto una licenza Creative Commons Attribuzione-Non Commerciale-Non Opere derivate 2.5 Italia a cui vanno aggiunte le condizioni d'uso definite nel disclaimer.
settorezero.com e tutti i suoi contenuti sono tutelati dalla legge sul diritto d'autore per cui i trasgressori sono perseguibili a norma di legge. Settorezero fa uso dei cookie leggi l'informativa estesa.
Creative Commons BY-NC-ND 2.5
Il tema di questo sito è basato sul tema Fusion per wordpress, realizzato originariamente da digitalnature e fa uso del plugin Wassup per il computo delle statistiche. Per contattare l'autore siete pregati di utilizzare la sezione contatti.
Per essere aggiornato con tutte le novità di settorezero.com seguici anche anche su Facebook Twitter Tumblr Blogspot Youtube.