Idee per il Natale: Realizzare un barattolo con lucciole colorate ricaricabili da USB

Giovanni Bernardo | 10 dicembre 2017
Categorie: Progetti

Quello che sto per presentarvi ha tutt’altro che la pretesa di essere un “progetto” vero e proprio come quelli che presento qui sul mio blog, anzi è davvero molto semplice: non richiede nessuna particolare conoscenza in elettronica ma basta saper utilizzare il saldatore, conoscere qualche componente e saperlo utilizzare senza far danni: c’è difatti bisogno di una certa accortenza e sensibilità dato che andremo ad utilizzare una batteria al Litio che può essere molto pericolosa se non gestita e maneggiata correttamente, per cui, come sempre, non mi assumo responsabilità se i barattoli vi esploderanno e qualcuno si farà male!

Si tratta di un semplice barattolo di vetro con all’interno dei led colorati alimentati da una batteria al litio ricaricabile tramite una porta USB. L’ho chiamato semplicemente Fireflies Jar (barattolo di lucciole).

Ecco di cosa avrete bisogno:

  • 1 o 2 file da 10 “luci colorate a led con filo di rame”. Sono in vendita nei negozi cinesi a €1,00 / €1,50 (se li pagate di più andate da un altro cinese!). Sono realizzate con filo di rame rivestito molto sottile e i led sono delle “gocce” appoggiate ai fili. Ogni confezione ha una striscia da 10 led e sono alimentate tramite una scatoletta con interruttore dentro la quale si mettono due batterie stilo (AA). Anche se c’è scritto sulla scatola “con memory controller” non è vero niente: funzionano semplicemente in ON/OFF
  • 1 diodo 1N4007
  • un interruttore qualsiasi purchè piccolo
  • Una batteria LiPo da 3.7V tipo 18650. Io queste non le ho comprate ma le ho recuperate da vecchie batterie di portatili guaste. Se aprite la batteria di un portatile, dentro potete trovare questo tipo di batterie. Chiaramente dovrete caricarle singolarmente una ad una con un circuitino che vi dirò poi, controllarle subito e dopo qualche tempo. Appena caricate devono misurare circa 4.2V per poi stabilizzarsi sui 3.7V. Se la batteria, dopo carica, misura di meno smaltitela: era quella che non faceva funzionare correttamente la batteria del portatile!
  • Un modulo caricabatteria tipo TP4056. Si trovano su Ebay a pochissimi spiccioli. Comprandoli in Cina se ne possono avere 10 per meno di 3 euro ma mi rendo conto che ordinandoli ora in Cina non vi arriverebbero mai per Natale ma sicuramente l’anno nuovo passate le feste… a questo punto potete comprarli da qualche venditore europeo pagandoli chiaramente di più
  • 4 Viti M3, 2 rondelline, un O-Ring di gomma piccolo
  • 2 distanziali esagonali femmina/femmina da 10/12mm con filettatura M3
  • Barattolo di vetro munito di coperchio a vite con un diametro esterno da 85mm. Più piccolo non va bene: la batteria non ci entra.

Le luci

Le lucine di cui vi parlavo sono queste:

Come vedete hanno un doppino di rame molto sottile, rivestito. Io ho comprato anche un tipo di strisce di led realizzate con un filo più doppio e con led più grossi ma questo tipo non piace perchè all’interno del barattolo da l’impressione di un ammasso di spaghetti e toglie anche buona parte della luminosità dei led che capitano dietro la faccia del barattolo che si osserva. Questi col filo di rame sono più carini da vedere e forniscono una resa migliore all’interno del barattolo. Come dicevo sopra la fila da 10 led costa da €1,00 a €1,50. L’unica cosa che dovete fare è staccare i fili dalla scatoletta in cui si inseriscono le batterie perchè collegheremo i fili ad una batteria ricaricabile che ci consentirà di avere una durata maggiore della luce, di rendere la batteria invisibile all’interno del barattolo e soprattutto di poterla ricaricare. All’interno di un barattolo io ho messo due di queste strisce, in parallelo.

Queste lucine le vendono sia multicolore che di colore singolo: ve ne potete accorgere dal bollino posto sopra alla confezione, se vedete nella foto sopra, c’è un bollino a 4 colori, quindi queste sono luci multicolore.

Il modulo caricatore

Il modulo in vendita su Ebay per caricare la singola batteria al Litio si chiama TP4056 (dal circuito integrato principale) e viene anche venduto in blocchi da 10 a meno di 3 euro in Cina:

Il collegamento alla batteria è molto semplice: ci sono due pad con l’indicazione B+ e B- che stanno per Battery+ e Battery- : in quei punti vanno saldati i poli della batteria. Sul modulo sono presenti due minuscoli LED: durante la carica uno si colora di rosso, a carica terminata si spegne il rosso e si accende il blu. Non è consigliato caricare e contemporaneamente prelevare corrente, per questo motivo durante la carica i led devono rimanere spenti. Questo modulo è in vendita sia con connettore microUSB che miniUSB, quindi attenti a comprare quello che potete utilizzare: sul connettore USB va messo un normale caricabatterie con attacco USB di quelli che usate per il cellulare, oppure potete saldare un vostro connettore sui due terminali + e – e quindifornire 5V da un’altra sorgente di alimentazione.

Il barattolo

Come dicevo ci vuole un barattolo che abbia un coperchio di almeno 8,5cm di diametro esterno:

Questo perchè andremo a montare la batteria al di sotto del coperchio in maniera che risulti quasi totalmente invisibile dall’esterno.

Lo schema elettrico

E’ semplicissimo. Non chiedetemi perchè ho utilizzato un diodo al posto di una resistenza, probabilmente ho sbagliato ma l’ho fatto così di getto pensando che le strisce di led originalmente sono alimentate tramite due stilo da 1.5V, quindi 3V, senza resistenze e che una cella al Litio 18650 ha una tensione di 3.7V che, grazie alla caduta di tensione che causa un diodo, tra 0.6 e 0.7V, fornisce proprio 3V:

L’interruttore va messo a valle del caricatore in maniera tale da poter spegnere le luci durante la carica. Mi raccomando di fare attenzione quando si utilizzano le celle al Litio dato che caricate in maniera scorretta o messe in corto-circuito possono essere letali.

Realizzazione

La batteria va alloggiata al di sotto del coperchio, al centro, con l’interruttore che sporge all’esterno messo al suo fianco, azionabile dall’esterno. Per poter bloccare la batteria ho passato due viti all’interno del coperchio ai fianchi della batteria alle quali ho avvitato due distanziatori esagonali da 10/12mm che mantengono la batteria lateralmente, all’altro capo dei distanziatori ho quindi messo rondelle e viti e ho fatto passare, al di sotto delle rondelle, un o-ring di gomma che ferma la batteria:

Il diodo l’ho saldato direttamente sulla linguetta (terminale positivo) della batteria portando il catodo (la parte del diodo con la strisia) direttamente sull’interruttore. Io non ho incluso il caricabatterie all’interno del barattolo ma carico la batteria aprendo il coperchio e attaccandomi sui fili con dei coccodrilli:

Io ho anche messo una cordicina sul bordo esterno dei barattoli per poterli appendere. Per ulteriori informazioni sulla realizzazione fate riferimento alle immagini in galleria

Galleria Immagini



Questo articolo ti è stato utile? Ti ha permesso di risolvere un problema o di migliorare le tue applicazioni? Ci lavori? Ti ha permesso di scrivere la tua tesina? Ti ha semplicemente fatto spendere un po' del tuo tempo in maniera costruttiva? Allora clicca il banner qui sotto:


Settorezero.com è un blog personale di Giovanni Bernardo. Non è una testata giornalistica né un sito a carattere commerciale.
Settorezero.com, il logo Zroid™ e la tagline "Play embedded electronics" sono copyright ©2007÷2018 Giovanni Bernardo.
La navigazione su settorezero.com e la fruizione dei contenuti ivi presenti sono soggette ai seguenti Termini di utilizzo - Informativa sulla privacy - Utilizzo dei Cookie.
Il tema di questo sito è basato sul tema Fusion per wordpress, realizzato originariamente da digitalnature e fa uso del plugin Wassup per il computo delle statistiche.
Per poter contattare il gestore del sito potete utilizzare la sezione contatti o inviare una email a gianni[at]settorezero[dot]com.
Settorezero è presente anche su Facebook e sul canale Telegram e, meno assiduamente, anche su Twitter - Tumblr - Google+ - Blogspot - Youtube.