Come eseguire una copia di sicurezza dei nostri DVD, tutti i trucchi e i segreti del ripping

Angelo Ferrara | 19 aprile 2009
Categorie: Multimedia - Software gratuito

ATTENZIONE!

L’utilizzo improprio della seguente procedura è perseguibile a norma di legge! La copia di un DVD è consentita soltanto per uso personale e soltanto se si dispone dell’originale.
Settorezero.com declina da ogni tipo di responsabilità che potrebbe derivare dall’utilizzo scorretto e/o improprio delle procedure descritte in questo articolo.

In questo articolo vedremo come effettuare il ripping e la ricodifica di un DVD utilizzando unicamente software FREE, e precisamente:

Il primo software in elenco ci consente di effettuare l’operazione di RIPPING (o rippaggio): ovvero l’estrazione del DVD sull’ Hard Disk, che è un passaggio fondamentale dal momento che ha la funzione principale di eliminare le protezioni del DVD.

Nota

I DVD più recenti presentano delle protezioni che DVD Decrypter non è in grado di riconoscere (difatti l’ultima versione disponibile risale al 2005).

Altra soluzione Free per il ripping è DVD Fab Decrypter (in versione Free), se invece avete bisogno di eliminare qualsiasi tipo di protezione, dovete ricorrere necessariamente a soluzioni a pagamento come AnyDVD (che per ora potete scaricare in versione DEMO per 21 giorni, basta lanciarlo, rimane nella TrayBar e poi si fa la normale estrazione con DVD Decrypter).

 

Ripping del DVD

Una volta inserito il DVD, lanciare DVDDecrypter ed attendere l’autorilevamento, selezionare la cartella di destinazione e cliccare sul tasto centrale grande per avviare la copia.

dvd-decrypter-ripping

L’operazione può richiedere da 10 ad oltre 60 minuti in relazione alla configurazione hardware del pc, dalle dimensioni e soprattutto dal buono stato del supporto.

Dopo aver scaricato il contenuto del DVD sull’hard disk ci possiamo ritrovare in due situazioni:

  1. La cartella del DVD “pesa” meno di (o esattamente) 4.36Gb, in questo caso vuol dire che siamo fortunati, non abbiamo difatti bisogno di ricodificare il DVD per farlo entrare in un DVD5 e quindi possiamo passare direttamente alla fase di masterizzazione con il programma che preferiamo.
  2. La cartella del DVD occupa uno spazio superiore a 4.36Gb. In questo caso ci sono due possibilità: o si masterizza su un DVD9 (Double o Dual Layer) che ha una capacità di 8.5Gb (questi DVD hanno comunque un costo di molto superiore a un “normale” DVD5), oppure lo possiamo ricodificare per poi poterlo masterizzare su un DVD5, che alla fine è lo scopo principale di questa guida!

Per la ricodifica prenderemo in considerazione i due software free citati all’inizio insieme agli altri: DVD Rebuilder che fa uso dell’ottimo algoritmo HCEnc e DVD Shrink. Entrambi questi software effettuano la stessa operazione: la compressione del DVD per farlo rientrare nei 4.36Gb. La differenza sostanziale tra i due sta nei tempi di ricodifica, il che si ripercuote sulla qualità finale del DVD che otterremo: un tempo di ricodifica minore porta ad una qualità più bassa. DVD Rebuilder impiega un tempo circa 10 volte superiore a quello impiegato da DVD Shrink, ma ovviamente la qualità ottenuta è decisamente migliore: ci avviciniamo in pratica alla qualità del film originale.

Qui potete scaricare due filmati AVI in cui sono stati messi in sequenza unicamente due fotogrammi: quello originale e quello ricodificato con uno o con l’altro programma, giusto per farvi rendere conto della differenza di qualità che si ottiene con l’uno con l’altro software:

confronto-originale-dvdshrink

confronto-originale-dvdrebuilder

Come potete vedere, la differenza è molto più evidente in quello ricodificato con DVD Shrink. Con questo ovviamente non voglio assolutamente dire che DVD Shrink non sia un buon software: al contrario! Tutto dipende da ciò che vogliamo ottenere! Prima di eseguire la ricodifica bisogna comunque decidere se si vuole ricodificare l’intero DVD, se ci interessa soltanto il film senza extra, menù o se ci interessa il film con parte degli extra. Analizziamo i vari casi con i vari software.

Ricodifica intero DVD con DVD Shrink

Installare e lanciare DVD Shrink, cliccare su “Open files”, selezionare la cartella che contiene il DVD da ricodificare e attendere che termini il processo. Dovrà apparirvi una schermata simile:

ricodifica-dvd-shrink

Il programma sceglie in automatico la percentuale di qualità da sottrarre ad ogni parte del DVD, ma se vogliamo, possiamo modificarla a piacimento magari abbassando al minimo la qualità dei menù e degli extra a tutto vantaggio del film principale. Per fare questo basta selezionare del menù a tendina nella parte destra la voce “Custom ratio”, selezionare poi nella finestra a sinistra la parte del DVD e scegliere quindi la configurazione più appropriata facendo scorrere con il mouse il cursore della qualità lungo la linea.

Per guadagnare in qualità è anche possibile deselezionare le tracce audio del film che non ci interessano (le lingue straniere) oppure eliminare i sottotitoli. Una volta scelte tutte le impostazioni cliccare sul tasto “Backup!” e scegliere alla voce “Select backup target” la destinazione più appropriata:

destinazione-ricodifica-dvd-shrink

a mio avviso è sempre meglio creare una cartella sull’hard disk nella quale riversare il DVD ricodificato per poi masterizzarlo successivamente.

Ricodifica intero DVD con DVD Rebuilder

Con DVD Rebuilder (versione free attuale: 0.98.1) non è purtroppo possibile eseguire la ricodifica del solo film principale e inoltre non possiamo avere una stima precisa di quanto verrà ridotta la qualità dei menù, degli extra e del nostro film. Queste ed altre piccole mancanze possono dare un po’ di dubbio nell’utilizzo di questo programma, ma forse è l’unica soluzione professionale free in giro (tanto è vero che le versioni successive sono a pagamento).

Installare e lanciare DVD Rebuilder. Nella prima riga selezionare la cartella contenente il DVD da ricodificare, nella seconda una cartella che il software utilizzerà per lavorare e nella terza selezionare o creare la cartella che conterrà il DVD ricodificato.

Prima di iniziare settare l’algoritmo di compressione nel menù Mode sul valore: HC Encoder Mode. Settare quindi a piacimento la qualità di compressione in “Options” a HC Encoder options. Se si vuole si può scegliere di ridurre maggiormente la qualità degli extra per avere maggiore qualità a disposizione del film principale: questo si sceglie dal menù “Mode” in “Steal space from extras”. Selezionare infine l’audio e i sottotitoli che ci interessano nei title set presenti e cliccare quindi sul tasto “Backup DVD”. Lasciamo quindi il pc lavorare per alcune ore.

Ricodifica del solo film principale con DVD Shrink

Aprire DVD Shrink e cliccare sul tasto “Re-author”, nella zona destra selezionare la cartella dove è stato precedentemente rippato il DVD:

ricodifica-film-principale-dvd-shrink

Trascinare nella finestra di sinistra il titolo presente sotto la linea del “Main Movie”, selezionare la scheda “compression setting” e selezionare le tracce audio e i sottotitoli che interessano, dopodichè premere sul tasto “Backup!” e scegliere alla voce “select backup target” la destinazione.

Eliminare parti del DVD con VOB Blanker

Questa è forse la soluzione più adatta per quei film ricchi di contenuti extra spesso ingombranti e anche inutili.

Installare e lanciare Vob Blanker, questo programma in effetti (come si può intuire anche dal nome) non elimina per davvero le parti extra del DVD ma semplicemente le rende “bianche” riducendole a pochi Kb (ricordo che per eliminare davvero delle parti, si dovrebbe rifare l’authoring del dvd eliminando i collegamenti dei menù e tante altre cose che richiedono un lavoro davvero faticoso e non affatto facile).

Clicchiamo sul tasto “Browse” e selezioniamo il file VIDEO_TS.IFO presente nella cartella del DVD rippato, clicchiamo quindi sull’altro tasto “Browse” e selezioniamo (o creiamo) la cartella dove andrà riversato il DVD rielaborato:

vob-blancker-eliminare-gli-extra-dal-dvd

Scegliere tra la lista delle parti che compongono il nostro DVD quali di queste “eliminare” (sarebbe meglio dire “imbiancare”), possiamo eliminare interi title set nel riquadro “TitleSet” cliccandoci sopra col tasto destro e selezionando la funzione “Blank” dal menù a tendina (i title set raggruppano più sottoparti che possono essere trailer, avvertenze, interviste, ecc.) oppure, ancora, possiamo eliminare solo alcune parti dei title set che appaiono nel riquadro inferiore “PGCs in selected TitleSet“. Per essere sicuri di cosa si sta eliminando ogni volta è possibile vedere l’anteprima del filmato selezionato nel riquadro in alto a destra. È possibile anche avere un’idea di quale sarà la dimensione del DVD, man mano che eliminiamo le parti, nel riquadro “Size (MB)”, non vi preoccupate se la dimensione finale è ancora al di sopra dei 4464 MB per questo ci sono le procedure descritte più in alto.

Per concludere cliccare sul tasto “Process!!” e attendere. Se le dimensioni superano i 4464 MB basta eseguire una delle procedure appena descritte avendo cura, ovviamente, di selezionare il DVD appena “scremato” con Vob Blanker e non l’originale.



Questo articolo ti è stato utile? Ti ha permesso di risolvere un problema o di migliorare le tue applicazioni? Ci lavori? Ti ha permesso di scrivere la tua tesina? Ti ha semplicemente fatto spendere un po' del tuo tempo in maniera costruttiva? Allora clicca il banner qui sotto:


Settorezero.com è un blog personale di Giovanni Bernardo aperto dal 25 Ottobre 2007. Non è una testata giornalistica né un sito a carattere commerciale.
Settorezero.com, il logo Zroid™ e la tagline "Play embedded electronics™" sono copyright ©2007÷2019 Giovanni Bernardo.
La navigazione su settorezero.com e la fruizione dei contenuti ivi presenti sono soggette ai seguenti Termini di utilizzo - Informativa sulla privacy - Utilizzo dei Cookie.
Il tema di questo sito è basato sul tema Fusion per wordpress, realizzato originariamente da digitalnature e fa uso del plugin Wassup per il computo delle statistiche.
Per poter contattare il gestore del sito potete utilizzare la sezione contatti o inviare una email a gianni[at]settorezero[dot]com.
Per seguire gli aggiornamenti del blog Settorezero, oltre al feed RSS, puoi anche seguire la pagina Facebook o iscriverti al canale Telegram.
Su Twitter, invece, pubblico un po' di tutto e, quando mi va, uso anche Tumblr - Google+ - Blogspot - Youtube.