Cavo di collegamento video Commodore 64 / S-Video / Scart

 

ATTENZIONE!!!

Ci sono moltissime persone su E-Bay che vendono il cavetto descritto in questo articolo linkando questa pagina senza aver chiesto nessuna autorizzazione nè specificando in alcun modo che non sono assolutamente affiliati con settorezero.com. Per cui ripeto: se state accedendo a questa pagina dopo aver cliccato il link da una pagina di Ebay (o altri) sappiate che in nessun modo settorezero.com è collegato al venditore.

C’è inoltre da aggiungere che alcune persone stanno ricopiando questa guida e le immagini per riproporla sui loro siti, avvisatemi se notate una cosa del genere.

Il cavo in oggetto permette il collegamento del commodore 64, commodore 64C, commodore 128 ad una TV munita di presa SCART , di ingresso Videocomposito o di prese S-Video e Audio garantendo una qualità dei segnali audio/video di gran lunga superiore a quella ottenibile con il semplice collegamento RF.

Premessa

Tramite collegamento RF (Radio Frequenza) i segnali video e audio viaggiano sullo stesso cavo a frequenze differenti, per cui nel percorso del segnale avremo all’inizio un modulatore RF (all’interno del Commodore 64) che ha il compito di “legare” insieme questi 2 segnali, il cavo coassiale di collegamento (75Ω) e quindi il demodulatore RF (nella TV) che avrà il compito di separare questi due segnali nelle componenti audio e video per poterli mandare agli altoparlanti e al monitor. In questo caso il TV andrà sintonizzato su un determinato canale: per la versione europea il canale è il 36 (UHF, 591.25MHz), per la versione NTSC il canale è 3 o 4.

Quasi sempre bisogna agire anche sulla sintonia fine

Il vantaggio di questo tipo di collegamento deriva dal fatto di avere un unico filo su cui viaggiano tutti i segnali, ma proprio a causa di questo e ai vari passaggi per modulare/demodulare il segnale si ha una certa perdita di qualità e una maggiore influenza dei campi elettromagnetici circostanti che possono aggiungere disturbi al segnale deteriorandolo ulteriormente.

Con un collegamento di tipo separato o S-Video (Separate Video e NON super video come molti credono e continuano a scrivere) avremo che i segnali audio e video viaggeranno su due linee individuali, addirittura il segnale video, anzichè essere di tipo composito, può ancora essere diviso ulteriormente nelle due componenti Luminanza (Y, spesso indicata con LUMA) e Crominanza (C, spesso indicata con CHROMA).

La componente Y, luminanza, trasmette l’intensità di luce del segnale video, ovvero la somma dei 3 colori primari (RGB). La componente C, crominanza, invece trasmette i valori di differenza tra le componenti rosso e blu del segnale video.

Un monitor monocromatico (TV bianco e nero) utilizza soltanto la componente di luminanza, la crominanza venne aggiunta in seguito per ricostruire il segnale da utilizzare per i monitor a colori RGB.

Il commodore 64 negli anni ’80 è stato uno dei primi dispositivi a larga diffusione a supportare il segnale video separato.

I primi modelli di Commodore 64 (1982-1983) hanno il connettore video di tipo DIN5 (ovvero con solo 5 pin) che non supporta il segnale video separato ma riesce a fornire unicamente il segnale video composito e il segnale di luminanza, per cui è possibile realizzare unicamente il cavo SCART utilizzando il solo segnale di video composito (a parte l’audio).

Quindi, ricapitolando: se avete un modello di Commodore 64 con il connettore a 5 pin, potete realizzare un cavo Videocomposito, se avete quello col connettore DIN8 avete un’alternativa (migliore) in più: oltre a poter realizzare il cavo videocomposito potete anche fare quello Luma+Chroma (potete comunque usare tutti i collegamenti nello stesso cavo e poi collegare solo uno o l’altro al tv)

Realizzazione

Faccio riferimento al cavo di tipo DIN8, se avete il DIN5 è lo stesso ma prenderete solo il segnale videocomposito. L’immagine di seguito mostra il connettore video DIN8 su un Commodore 64C -ovvero il modello con il case sottile simile all’Amiga500 (che alcuni chiamano impropriamente C64-II):

foto_presa_din8_c64c.jpg

Questo invece è come appare il connettore video DIN8 su un Commodore 64 modello breadbin o biscottone in italiano:

foto_presa_din8_c64.jpg

 

Abbiamo quindi bisogno di uno spinotto volante maschio di tipo DIN8 (DIN5 se avete il Commodore 64 con l’uscita video a 5 pin):

foto_connettore_din8.jpg

C’è quindi bisogno di uno o due connettori RCA maschio: uno rosso o nero per il segnale audio ed eventualmente uno giallo (nella speranza che riusciate a trovarlo perchè sono più difficili da trovare nei normali negozi fisici) se avete il connettore DIN5 o se volete comunque aggiungere il videocomposito al cavo DIN8

foto connettore rca

Se vogliamo realizzare la versione S-Video, c’è bisogno di un connettore MiniDIN4, (ma a mio avviso è meglio acquistare un cavo S-Video da spezzare, i mini din 4 da saldare non si trovano facilmente):

foto_connettore_svideo.jpg

Ci servirà quindi almeno un metro e mezzo di cavo schermato ad un conduttore (per il segnale audio). Non c’è bisogno di acquistare il cavo per il segnale video se abbiamo comprato un cavo S-Video per poter recuperare il connettore (useremo lo stesso suo cavo) ma ci vuole comunque un altro metro e mezzo di cavo schermato ad un conduttore per il videocomposito. Se invece della versione S-Video vogliamo realizzare quella SCART, allora abbiamo bisogno di una Spina Scart (o di un cavo Scart da spezzare, se ne trovano di economici a 2 euro che per il nostro scopo vanno più che bene).

Possiamo comunque anche realizzare la versione S-Video o Videocomposito e poi adattarla con un comune adattatore Scart / S-Video:

foto_adattatore_svideo-scart.jpg

La realizzazione è semplicissima se si ha un po di dimestichezza con il saldatore, basta soltanto saldare i cavetti nei punti giusti seguendo i pinouts dei connettori di seguito illustrati.

La vista dei connettori è frontale dal lato del connettore femmina ed è quindi uguale al lato saldature dei connettori maschi.

Pinout del connettore Video del commodore 64 di tipo DIN8:

piedinatura_presa_video_din8_commodore64.png

Pinout del connettore Video del commodore 64 di tipo DIN5:

piedinatura_presa_video_din5_commodore64.png

Pinout del connettore S-Video:

piedinatura_presa_s-video.png

Pinout del connettore SCART:

piedinatura_presa_scart.png

nella costruzione bisogna tenere conto di alcune cose:

  •  Il commodore 64 non ha le masse separate per i segnali di luminanza, crominanza e audio per cui tutte le masse (sia audio che video e indicate con GND per i non addetti ai lavori) andranno collegate insieme.
  • Se realizziamo la versione SCART, dal connettore DIN8 del Commodore 64 dovremo prelevare i segnali Luminanza e Crominanza (lasciando stare il video composito out) e quindi collegare il segnale di Luminanza al pin contrassegnato come “Luminanza o video composito” (tale pin infatti ha doppia funzione). Se chiaramente vogliamo usare il videocomposito, salderemo quello.
  • Nella costruzione del cavo SCART, avendo il commodore 64 un’uscita MONO (a meno che non avete fatto la modifica con il SID2SID), bisogna collegare l’uscita Audio al pin Audio L, alcuni collegano insieme i due terminali Audio L e Audio R ma non è una pratica corretta.
  • Il pin del connettore video del commodore 64 da utilizzare per l’Audio è quello contrassegnato con Audio OUT.
  • Il pin del connettore video del commodore 64 contrassegnato con Video Composito Out può tornare utile per alcuni vecchi monitor che necessitano del segnale composito anzichè di quello separato, ed è necessario per i vecchi C64 che non hanno il segnale di crominanza o nel caso in cui non disponete sul monitor/tv di un ingresso luma/chroma

Ricordo che sul connettore RCA la massa (GND) è il piedino esterno:

foto_connettore_rca_lato_saldature.jpg

Queste sono le foto del connettore di tipo DIN8 da me realizzato:

foto_cavo_1.jpg
foto_cavo_2.jpg

Come si vede, dall’interno dello spinotto DIN8 fuoriescono due cavi: uno va al connettore S-Video e l’altro al connettore RCA per l’audio. Se avete utilizzato il normale collegamento antenna (RF) , noterete il notevole miglioramento di qualità.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo su un social:
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Se l'articolo ti è piaciuto o ti è stato utile, potresti dedicare un minuto a leggere questa pagina, dove ho elencato alcune cose che potrebbero farmi contento? Grazie :)