Convertire in DVD una registrazione televisiva DVB (trasmissione digitale terrestre/satellitare) ripulita dalla pubblicita´

Angelo Ferrara | 6 novembre 2008
Categorie: Multimedia - Software gratuito

Sarà capitato ad alcuni di voi di registrare una trasmissione o un film tramite la tecnologia del digitale terrestre e/o satellitare. Ma come fare poi a godersi quel film o quell’evento standosene comodamente seduti sul divano, magari rinunciando all’odiatissima pubblicità e soprattutto senza rinunciare per niente alla qualità della trasmissione digitale DVB (Digital Video Broadcasting) ?

Riversare su DVD una registrazione in DVB è un processo un po’ macchinoso ma non vi scoraggiate, alla fine ne vale davvero la pena!

Quello che occorre è (ovviamente!) una registrazione, in formato .mpeg .ts o .pva, ed i seguenti programmi Freeware:

Nota: in caso i siti ufficiali dovessere risultare offline o sovraccarichi, è possibile scaricare questi ed altri programmi sulla risorsa per eccellenza degli smanettoni multimediali: Doom9

Passo 1 – Demultiplex (projectX)

 

Quest’operazione (chiamata Demultiplex o Demux in gergo) ci permette di avere i due flussi elementari (audio e video) perfettamente sincronizzati anche in presenza di errori di trasmissione (tra l’altro non molto rari, in dipendenza dalla qualità del segnale). Come risultato finale di questo passaggio avremo la nostra registrazione suddivisa in due file: uno contenente unicamente il video (in formato m2v) e uno l’audio (mp2).

Il software utilizzato (projectX) è scritto in Java, pertanto prima di utilizzarlo è necessario avere installata l’ultima versione della virtual machine java, che può essere scaricata gratuitamente dal sito ufficiale della Sun Microsystems all’ indirizzo:

http://www.java.com/it/download/index.jsp

Dopo aver installato la Java Virtual Machine avviare ProjectX cliccando sul file projectx.jar. Dalla schermata principale cliccare su File->Add e selezionare la registrazione da processare. Prima di procedere al demux, già in questa fase, volendo, si può effettuare una prima eliminazione di registrazione superflua, ovvero la parte immediatamente prima dell’inizio e quella immediatamente dopo la fine del nostro evento (a meno che non siate stati precisissimi nell’iniziare e terminare la registrazione!), basta selezionare il punto di inizio con l’aiuto della barra di avanzamento e con i pulsanti di avanzamento indicati nell’immagine:

projectX

si conferma il punto selezionato cliccando sul tasto col simbolo “+”:

projectX

e successivamente allo stesso modo si seleziona il punto finale.

Selezionare la cartella di destinazione (di default il programma usa quella di origine del file aperto o quella specificata l’ultima volta che avete usato il programma) cliccando sul tasto col simbolo “+” posto in basso a destra vicino alla scritta “recent output directories:”. A questo punto cliccare sul tasto “QuickStart” per demuxare il video e attendere qualche minuto prima della fine dell’operazione.

 

Passo 2 – Eliminazione scene (Mpeg2Schnitt)

 

In questo passaggio procediamo all’eliminazione delle scene superflue (la pubblicità per intenderci). Una volta avviato Mpeg2Schnitt cliccate su “File Open video/audio”, selezionate il flusso video creato in precedenza (il file .m2v) e apritelo, non vi preoccupate per l’audio perché il programma lo carica in automatico (a patto che si trovi nella stessa directory e che abbia lo stesso nome del file video). Diamo uno sguardo ai controlli che dovremo utilizzare:

Mpeg2Schnitt

La barra consente di spostarsi molto velocemente all’interno del flusso video, con le frecce indicate nell’immagine con il numero 1 ci si muove tra i frame di tipo I, con quelle indicate col numero 2 ci si sposta tra frame di tipo P (non è essenziale conoscere le differenze tra i diversi tipi di frame, ma è importante sapere che ogni scena deve iniziare con un frame di tipo I ed è preferibile terminarla con uno di tipo P), le frecce indicate col numero 3 semplicemente spostano un frame per volta.

Ora si devono selezionare una alla volta tutte le scene che a noi interessano, se al passo 1 abbiamo già definito il punto di inizio allora spostiamo il cursore proprio all’inizio del filmato e cliccare sul tasto “IN” (inizio taglio), poi aiutandoci con la barra e i tasti freccia ci fermiamo alla fine della scena (prima dell’inizio della pubblicità per intenderci) e cliccare sul tasto “OUT” (fine taglio) dopodiché cliccare sul tasto con il simbolo della forbice, proseguire così fino alla fine del filmato, in questo modo andremo a creare una lista dei tagli consultabile sul lato destro del programma man mano che andiamo a selezionare e tagliare le varie scene tra una pubblicità ed un altra.

Mpeg2Schnitt

Una volta selezionate tutte le scene cliccare sul tasto “Go” nell’angolo in basso a destra, appare una finestra in cui possiamo scegliere la directory dove salvare e altre opzioni che sconsiglio modificare, quindi cliccare su “OK” e attendere che vengano rigenerati i flussi audio e video privati della pubblicità.

 

Passo 3 – authoring DVD (ifoedit)

 

Siamo pronti per creare il nostro DVD, per chi lo desidera è possibile inserire anche i capitoli creando con il blocco note di windows una lista in cui vengono indicati i numeri di frames in cui si desidera inserire il capitolo, ciò lo si può fare aiutandosi con Mpeg2Schnitt che indica affianco ai minuti di avanzamento anche il relativo numero di frame. Se volete aggiungere questa finezza… : il file dovrà essere chiamato celltimes.txt. Esempio di come sarà strutturato il file:

celltimes

Si lancia quindi Ifoedit e si seleziona DVD Author->Author new DVD.

ifoedit

In questa finestra Selezionare in ordine rispettivamente il flusso video, il flusso audio, i sottotitoli (nel nostro caso omessi, ma volendo i più temerari potrebbero provare con un editor apposito), la lista dei capitoli (se creata), la directory di destinazione e finalmente cliccare su “OK”. Attendere alcuni minuti e… il DVD è pronto per essere masterizzato.

 

Ricordo che Ifoedit non adatta Il DVD finale a nessun formato (DVD5, DVD9, ecc.), quindi potrebbe essere necessaria qualche limatina ai megabyte in eccesso, ma per questo vi rimando alla prossima guida…



Questo articolo ti è stato utile? Ti ha permesso di risolvere un problema o di migliorare le tue applicazioni? Ci lavori? Ti ha permesso di scrivere la tua tesina? Ti ha semplicemente fatto spendere un po' del tuo tempo in maniera costruttiva? Allora clicca il banner qui sotto:


Settorezero.com è un blog personale di Giovanni Bernardo aperto dal 25 Ottobre 2007. Non è una testata giornalistica né un sito a carattere commerciale.
Settorezero.com, il logo Zroid™ e la tagline "Play embedded electronics™" sono copyright ©2007÷2019 Giovanni Bernardo.
La navigazione su settorezero.com e la fruizione dei contenuti ivi presenti sono soggette ai seguenti Termini di utilizzo - Informativa sulla privacy - Utilizzo dei Cookie.
Il tema di questo sito è basato sul tema Fusion per wordpress, realizzato originariamente da digitalnature e fa uso del plugin Wassup per il computo delle statistiche.
Per poter contattare il gestore del sito potete utilizzare la sezione contatti o inviare una email a gianni[at]settorezero[dot]com.
Per seguire gli aggiornamenti del blog Settorezero, oltre al feed RSS, puoi anche seguire la pagina Facebook o iscriverti al canale Telegram.
Su Twitter, invece, pubblico un po' di tutto e, quando mi va, uso anche Tumblr - Google+ - Blogspot - Youtube.