Come evitare l’aggiornamento di Windows Live Messenger modificandone il numero di versione

Giovanni Bernardo | 16 settembre 2009
Categorie: Hacking - Internet - Windows

Nota: questo articolo è stato aggiornato in data 20/09/09 con il nuovo numero di versione di Messenger

Ultimamente un po’ tutti stanno avendo questa “seccatura” : Windows Live Messenger che alla partenza reclama la presenza di una nuova versione e si rifiuta di partire se non effettuiamo l’aggiornamento, siamo in pratica costretti  ad installare la nuova versione! L’aggiornamento alla nuova versione è tuttavia consigliato, in molti però si trovano spiazzati di fronte alla nuova interfaccia, tra l’altro a mio parere molto poco intuitiva e soprattutto “incasinata”, altri addirittura lamentano una certa difficoltà a collegarsi, ma su questo ne dubito fortemente, almeno sul collegamento, su diversi pc e con diversi operatori, io non ho trovato differenze su tale fattore, altri ancora lamentano problemi con la trasmissione audio/video che di fatto erano inesistenti con la precedente versione.

Il motivo dell’aggiornamento forzato risiede probabilmente in motivi di sicurezza, per cui il trucco qui esposto è da prendersi in forma didattica: illustro unicamente come si fa a cambiare  un numero di versione, per cui in alcun modo consiglio di effettuare questa operazione, dal momento che può risultare rischiosa! Se andrete ad effettuare tale modifica, dovete ritenervi gli unici responsabili di eventuali conseguenze. RIPETO: aggiornate all’ultima versione anzichè effettuare tale modifica.

Messenger, quando effettua il collegamento, controlla sul server la presenza di una nuova versione, se il numero di versione presente sul server è superiore, allora ecco che avviene il fattaccio, la soluzione sta quindi nel modificare il numero di versione della copia di messenger che abbiamo in maniera tale che non ci venga chiesto di aggiornare : in pratica facciamo credere al software di essere già aggiornato.

Scarichiamo Resource Hacker dal sito ufficiale, avviamolo (non richiede installazione). Dal menù File -> Open andiamo ad aprire l’eseguibile di Messenger (solitamente si trova in Programmi\Windows Live\Messenger), il suo nome è msnmsgr.exe.

Resource Hacker effettua in pratica una specie di “disassemble” dell’eseguibile, mostrandone le risorse incluse in forma di cartelle, la parte che ci interessa è “VersionInfo“, espandiamola (io vi ho trovato all’interno un’altra chiave denominata 1 e un nodo identificato come 1033, selezionatelo) :

modificare_la_versione_di_messenger

La versione è riportata in due valori, quello che ci interessa è quello evidenziato nell’immagine e identificato come “ProductVersion“. L’ultima versione di Windows Live Messenger (al tempo in cui scrivo) è la 14.0.8089.0726 (ovviamente se la versione aumenta, questo numero non è più valido, dovrete cercare in rete il nuovo numero di versione oppure vederlo da qualche amico che utilizza il nuovo messenger utilizzando sempre resource hacker), basta quindi copiare tale valore ed incollarlo al posto del vecchio, in pratica la stringa deve apparire così:

modificare_la_versione_di_messenger_02

(nota: il product version in questa immagine si riferisce alla prima versione rilasciata al momento di stesura originale di questo articolo)

A questo punto clicchiamo sul tasto “Compile Script” e infine dal menù File selezioniamo “Save” e chiudiamo tranquillamente Resource Hacker. Ora Messenger si avvierà senza chiedere di aggiornare (a meno che non sia uscita una versione superiore a questa indicata nell’articolo…). Nella cartella di Messenger è ancora comunque presente la versione originale del file (copia fatta in automatico da resource hacker), denominata come msnmsgr_original.exe.



Questo articolo ti è stato utile? Ti ha permesso di risolvere un problema o di migliorare le tue applicazioni? Ci lavori? Ti ha permesso di scrivere la tua tesina? Ti ha semplicemente fatto spendere un po' del tuo tempo in maniera costruttiva? Allora clicca il banner qui sotto:


Settorezero.com è un blog personale di Giovanni Bernardo aperto dal 25 Ottobre 2007. Non è una testata giornalistica né un sito a carattere commerciale.
Settorezero.com, il logo Zroid™ e la tagline "Play embedded electronics™" sono copyright ©2007÷2019 Giovanni Bernardo.
La navigazione su settorezero.com e la fruizione dei contenuti ivi presenti sono soggette ai seguenti Termini di utilizzo - Informativa sulla privacy - Utilizzo dei Cookie.
Il tema di questo sito è basato sul tema Fusion per wordpress, realizzato originariamente da digitalnature e fa uso del plugin Wassup per il computo delle statistiche.
Per poter contattare il gestore del sito potete utilizzare la sezione contatti o inviare una email a gianni[at]settorezero[dot]com.
Per seguire gli aggiornamenti del blog Settorezero, oltre al feed RSS, puoi anche seguire la pagina Facebook o iscriverti al canale Telegram.
Su Twitter, invece, pubblico un po' di tutto e, quando mi va, uso anche Tumblr - Google+ - Blogspot - Youtube.