Il Commodore 64 portatile

Giovanni Bernardo | 5 aprile 2010
Categorie: Commodore64

Si, state vedendo bene, non sto affatto parlando della versione “portatile” (piuttosto rara) commercializzata ufficialmente come “Commodore SX-64” (che poi, a onor del vero, tanto portatile non era) ma proprio di un vero Commodore 64 in formato Laptop. Un pezzo unico al mondo!

In realtà il Commodore 64 Laptop non è mai esistito, o meglio, non era mai esistito fino a che un certo Benjamin J Heckendorn, appassionato modder di vecchi videogiochi e consolle, ha avuto la folle e grandiosa idea di realizzarlo.

Il punto di partenza è stato proprio un vero Commodore 64. Non stiamo quindi parlando di sistemi di emulazione Hardware come il C64DTV. Benjamin ha scelto la versione C, per il semplice motivo che ha una scheda madre più piccola delle versioni precedenti ma purtroppo ancora troppo grande per poter essere alloggiata in un contenitore (da lui stesso realizzato utilizzando una CNC, così come ha fatto per altre consolle da lui trasformate in portatili) destinato ad accogliere un LCD da 15″.

Il nostro eroe ha dovuto quindi “modificare” anche la scheda madre del buon vecchio Commodore64C segando tutte le parti “eccedenti” come i connettori laterali per l’alimentazione, i joystick e i tasti funzione che ha quindi dovuto riarrangiare in altra maniera, rendendoli disponibili mediante flat cable.

Ovviamente la tastiera doveva assolutamente rimanere quella che era  perchè (e sono pienamente d’accordo con lui)

80’s computers had such great keyboards

Altra idea geniale è stata quella di adottare un 1541-III DTV che è in pratica un dispositivo che legge le rom del Commodore 64 da una scheda di memoria SD formattata in FAT32 e riporta l’uscita sul connettore standard del floppy del biscottone, in pratica un emulatore di Drive 1541. Ovviamente tale dispositivo è stato incluso nel case così come i nuovi tasti funzione, gli altoparlanti muniti di un piccolo amplificatore e dei led per segnalare le funzioni attive.

La questione alimentazione è stata risolta con un jack esterno  (come i normali portatili) utilizzando un alimentatore di un Nintendo Gamecube. Un lavoro davvero certosino, non c’è che dire.

Tutto il case è costituito unicamente da 4 pezzi: 2 per la parte superiore che sostiene l’LCD e 2 per la parte inferiore. Il case è stato inoltre studiato appositamente creando dei bozzetti con Adobe Illustrator (sul suo blog si possono anche scaricare i disegni) con la massima cura per potergli donare il feeling classico dei prodotti anni ’80:

La cosa più pazza di tutto questo è forse il fatto che l’ha terminato in una settimana e mezza!

Sul suo blog potete leggere tutta la storia (in lingua inglese). Le immagini di questo articolo sono state estratte dal blog di Benjamin. La seconda revisione del Commodore64 laptop è stata messa all’asta e il ricavato, di ben 6000 dollari, è stato devoluto in beneficenza.



Questo articolo ti è stato utile? Ti ha permesso di risolvere un problema o di migliorare le tue applicazioni? Ci lavori? Ti ha permesso di scrivere la tua tesina? Ti ha semplicemente fatto spendere un po' del tuo tempo in maniera costruttiva? Allora clicca il banner qui sotto:


Settorezero.com è un blog personale di Giovanni Bernardo aperto dal 25 Ottobre 2007. Non è una testata giornalistica né un sito a carattere commerciale.
Settorezero.com, il logo Zroid™ e la tagline "Play embedded electronics™" sono copyright ©2007÷2019 Giovanni Bernardo.
La navigazione su settorezero.com e la fruizione dei contenuti ivi presenti sono soggette ai seguenti Termini di utilizzo - Informativa sulla privacy - Utilizzo dei Cookie.
Il tema di questo sito è basato sul tema Fusion per wordpress, realizzato originariamente da digitalnature e fa uso del plugin Wassup per il computo delle statistiche.
Per poter contattare il gestore del sito potete utilizzare la sezione contatti o inviare una email a gianni[at]settorezero[dot]com.
Per seguire gli aggiornamenti del blog Settorezero, oltre al feed RSS, puoi anche seguire la pagina Facebook o iscriverti al canale Telegram.
Su Twitter, invece, pubblico un po' di tutto e, quando mi va, uso anche Tumblr - Google+ - Blogspot - Youtube.