Tutorial sull’utilizzo degli analizzatori logici

Giovanni Bernardo | 24 ottobre 2010
Categorie: Strumentazione

Ho il piacere di presentarvi, in collaborazione con Robot-Italy, un tutorial in formato PDF sull’utilizzo degli analizzatori logici.

Il documento in questione affronta in maniera semplice l’utilizzo di base di un analizzatore logico ZeroPlus (il LAP-C16128), spiegandone le basi di funzionamento e facendo un esempio pratico di acquisizione del segnale digitale proveniente da un normale telecomando TV ad infrarossi.

Anche se il tutorial è incentrato sull’analizzatore logico in questione, può risultare molto utile per capire le modalità di funzionamento di questi strumenti. Chi già utilizza un oscilloscopio ben sa quanto tale strumento possa risultare  utile in numerosi ambiti, siano essi amatoriali o professionali. Un analizzatore logico è qualcosa di più di un oscilloscopio anche se confinato al solo ambito dei segnali digitali.

Un analizzatore logico, come suggerisce la parola stessa, permette di analizzare in maniera approfondita i segnali digitali partendo dai bus di comunicazione più noti (UART, SPI, I2C, USB, CAN, 1-WIRE ecc ecc) fino ad arrivare a sistemi di comunicazione sconosciuti. Avete mai avuto per le mani un display, con numerose linee di comunicazione, del quale volete capirne il funzionamento per poterlo magari adattare in un vostro progetto? Un Analizzatore Logico ha numerosi canali (il LAP-C16128 ne ha 16): ognuno di questi canali può essere collegato, ad esempio, ad una linea del display e con il software in dotazione potrete facilmente capire qual’è la linea di clock, quali sono le linee dati e come si comportano, quali sono le frequenze, le temporizzazioni, il comportamento di una linea rispetto all’altra e numerose altre funzioni.

Il precedente articolo sul calibro, ad esempio, è stato realizzato con tale strumento: senza di esso, solo con un normale oscilloscopio, sarebbe stato molto difficoltoso riuscire a decifrare in tempi brevi il sistema di comunicazione adottato. Se poi lo strumento da controllare avesse avuto più di due linee di comunicazione, con un comune oscilloscopio sarebbe stato praticamente impossibile (gli oscilloscopi hanno al massimo 4 canali, ma è abbastanza raro trovarne).

L’analizzatore logico è corredato da un software che ne permette un utilizzo di base più altri software (plugin aggiuntivi) che permettono di utilizzare tale strumento come uno più specifico analizzatore di protocolli: collegate lo strumento, ad esempio, ad un bus I2C e sul monitor del vostro pc avrete tutti i dati a vostra disposizione: temporizzazioni, dati scambiati ecc.

La ZeroPlus è una ditta di tutto rispetto che produce una vasta gamma di analizzatori logici con il migliore rapporto qualità/prezzo e con caratteristiche che alcune marche non vantano o rendono disponibili unicamente sui modelli di fascia alta. Gli Analizzatori logici della ZeroPlus sono distribuiti in Italia da Robot-Italy.

Tutorial Analizzatori Logici Zero-Plus (1803 download)

Ringrazio Marco D’Ambrosio per la consulenza tecnica e Robot-Italy per l’analizzatore logico.



Questo articolo ti è stato utile? Ti ha permesso di risolvere un problema o di migliorare le tue applicazioni? Ci lavori? Ti ha permesso di scrivere la tua tesina? Ti ha semplicemente fatto spendere un po' del tuo tempo in maniera costruttiva? Allora clicca il banner qui sotto:


Settorezero.com è un blog personale di Giovanni Bernardo aperto dal 25 Ottobre 2007. Non è una testata giornalistica né un sito a carattere commerciale.
Settorezero.com, il logo Zroid™ e la tagline "Play embedded electronics™" sono copyright ©2007÷2018 Giovanni Bernardo.
La navigazione su settorezero.com e la fruizione dei contenuti ivi presenti sono soggette ai seguenti Termini di utilizzo - Informativa sulla privacy - Utilizzo dei Cookie.
Il tema di questo sito è basato sul tema Fusion per wordpress, realizzato originariamente da digitalnature e fa uso del plugin Wassup per il computo delle statistiche.
Per poter contattare il gestore del sito potete utilizzare la sezione contatti o inviare una email a gianni[at]settorezero[dot]com.
Per seguire gli aggiornamenti del blog Settorezero, oltre al feed RSS, puoi anche seguire la pagina Facebook o iscriverti al canale Telegram.
Su Twitter, invece, pubblico un po' di tutto e, quando mi va, uso anche Tumblr - Google+ - Blogspot - Youtube.