Android su HTC-Diamond : a due passi dalla realta´

Si! Lo sviluppo del sistema operativo Open Source per PDA più blasonato del momento pare andare a gonfie vele e già si cominciano a vedere i primi, timidi tentativi di porting di Android su vari dispositivi, tra cui il nostro amato HTC Diamond. In effetti le prime distribuzioni di Android sul diamantino erano soltanto versioni di test (versione 0.8), molto differenti da quelle (bellissime) che è possibile ammirare sui nuovi dispositivi HTC basati sull’ultima versione (1.0). In Italia i primi pda basati sulla nuova piattaforma sono l’HTC Dream, attualmente distribuito soltanto da Tim, e l’HTC Magic (prossimamente) distribuito da Vodafone. Gli smanettoni di XDA Forum hanno permesso il porting di Android anche sui precedenti modelli della HTC, ovviamente non senza difficoltà e ancora con numerose parti non funzionanti, ma si sta andando avanti e mano a mano tutte le lacune saranno colmate e chissà che HTC non decida di rilasciare una versione ufficiale del Diamond con Android …. chissà… (… ma nel frattempo ha rilasciato il Diamond 2 il che mi lascia un po’ perdere le speranze.)

android

Ma perchè Android sta tanto facendo parlare di sè ? Innanzitutto è Open Source, il che vuol dire ampie possibilità di sviluppo a prezzi irrisori, sia per quanto riguarda il sistema operativo che per i software che dovranno girarci su (il consorzio Android ha messo a disposizione di tutti il kit di sviluppo e i sorgenti, nonchè la possibilità di pubblicare i vostri eventuali lavori sull’Android Market) e l’ampia organizzazione, messa a punto da un colosso come Google, farà di certo in modo da avere in futuro dispositivi completi con ampia dotazione di software (soprattutto di navigazione!).

Due righe su Android: La piattaforma di questo sistema operativo è basata su kernel Linux e le applicazioni vengono eseguite tramite una Java Virtual Machine appositamente compilata per dispositivi mobili, i database utilizzano SQLite, per cui è facile capire come i dispositivi possano essere già da subito molto stabili, essendo tutte le parti software basate su progetti open source ultracollaudati. Voglio soltanto aggiungere che Android è sviluppato dalla Open Handset Alliance, un consorzio del quale fanno parte numerosi membri a vari livelli: operatori di telefonia mobile (tra vari nomi internazionali spicca la nostra Telecom Italia!), produttori di semiconduttori (Nvidia, Intel, Texas Instruments, Qualcomm per citare i maggiori), Produttori di dispositivi Mobili (HTC, Asus, Samsung, LG, Motorola, Sony Ericsson ecc.), produttori di Software (Google e altri) e compagnie per la commercializzazione. Con una ricetta così il futuro è assicurato…

Lascio ai più temerari qualche link (io per ora non me la sento ancora di azzardare l’installazione di Android sul mio Diamond, aspetterò tempi più maturi e sicuramente la scadenza della garanzia!):

Ovviamente gli esperimenti sono tutti a vostro completo rischio e pericolo! Se riuscite nell’intento scrivetemi pure, cercando di essere quanto più precisi possibile e magari documentando il tutto con immagini.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo su un social:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Se l'articolo ti è piaciuto o ti è stato utile, potresti dedicare un minuto a leggere questa pagina, dove ho elencato alcune cose che potrebbero farmi contento? Grazie :)