Lagorino : un robot didattico Open Source

Introduzione

Lagorino è un piccolo robot didattico, basato su Arduino, costruito con componenti facilmente reperibili nel mercato on line e parti realizzabili dai makers attraverso la stampa 3D o il taglio laser

Nella sua configurazione base Lagorino è un line follower capace di muoversi seguendo una linea in modo fluido e rapido. E’ allo studio una versione per il minisumo e inoltre i componenti meccanici sono stati scelti in funzione della loro versatilità per cui è possibile modificarlo e adattarlo a progetti ludici o didattici differenti. 

Il progetto di Lagorino è nato come supporto ad un corso di robotica di base che si è tenuto a Langhirano (PR) nella primavera del 2017, da cui il nome (incrocio tra il toponimo leggendario “Lagorano” e la scheda arduino). E’ un progetto open e ogni contributo, modifica, espansione e utilizzo non commerciale è promosso e supportato dal progettista e dal RoboMakersLab di Langhirano.

Da un punto di vista didattico, pur nella sua semplicità, Lagorino permette di affrontare tutte le tematiche base della robotica: dispositivi di input e output, controllo motori, programmazione e algoritmi, trasmissione e ricezione dati, interfacciamento con personal computer, ecc.

Inoltre, la possibilità per gli allievi di confrontarsi in semplici competizioni con hardware sostanzialmente uguali, stimola lo studio di soluzioni software più complesse e funzionali.

Meccanica

Il robot didattico Lagorino è stato pensato per essere costruito con costi contenuti, sviluppando parallelamente le conoscenze base per l’utilizzo delle attrezzature che sempre più frequentemente sono a disposizione delle scuole e dei FabLab, come stampanti 3D e/o macchine per il taglio laser.

La meccanica del robot è basata su pochi elementi, alcuni dei quali sono realizzabili sia con stampa 3D che con taglio laser, altri invece solo con stampa 3D e altri da acquistare on-line. I componenti che costituiscono la parte meccanica sono i seguenti:

  • Telaio base (stampa 3D o Taglio laser)
  • Piastra superiore (stampa 3D o Taglio laser)
  • Ruote (stampa 3D)
  • Protezione sensori di linea (stampa 3D – grazie al contributo di Marco Gelati)
  • Motoriduttore Tamiya Double Gear Box 70168
  • Ball Caster Pololu 3/8”

I files necessari per la stampa 3D/taglio laser sono al paragrafo Downloads.

Elettronica

La parte elettronica è sostanzialmente uno shield per Arduino Nano e integra una interfaccia di comunicazione bluetooth, un doppio ponte H (SN754410) per il controllo dei due motori DC, due pulsanti, alcuni led e un doppio connettore femmina che consente un facile accesso a tutti i pin dell’arduino tramite semplici cavetti jumper, similmente a quanto succede sui modelli più grandi (arduino uno, ecc…).

E’ possibile alimentare scheda e motori con due sorgenti separate o con un’unica sorgente da 7 a 12V (ideale è l’utilizzo di una batteria LiPo 2S, ovvero con due celle in serie in modo da avere 7.4V).

E’ quindi possibile e facile connettere sensori o circuiti aggiuntivi a scopo didattico o di test e a questo scopo è inoltre presente una piccola breadboard sulla parte frontale del robot. Il modulo arduino viene alloggiato in un connettore a doppia fila, in modo da permettere il facile collegamento di circuiti ausiliari o il collegamento di strumentazione.

In funzione della facilità di realizzazione e della limitazione del numero di componenti, nonché della possibilità di testare soluzioni software differenti a scopo didattico, sono state fatte alcune scelte circuitali alternative a quelle consuete nel mondo arduino; questo permette sia una programmazione base con l’utilizzo delle librerie standard, sia un approfondimento delle potenzialità del microcontrollore mediante lo studio del datasheet e la scrittura di codice ottimizzato per lo schema hardware.

Maggiori informazioni sulla parte elettronica e gli sketch per Arduino sono disponibili al paragrafo Downloads.

Esplorando le possibili alternative sarà possibile approfondire la teoria e la pratica relativamente a vari argomenti quali, a titolo di esempio:

  • Generazione di segnali PWM di frequenza e duty cycle variabile
  • Controllo dei motori DC in modalità “looked anti phase” e “sign magnitude”
  • Configurazione del modulo bluetooth HC-05 attraverso comandi AT
  • Comunicazione seriale wireless con personal computer o smartphone
  • Utilizzo avanzato degli ingressi analogici
  • Algoritmo ad istogramma per la determinazione dell’errore sulla linea
  • Algoritmo P.I.D. per il controllo della posizione del robot sulla linea

La scheda ha tutti i componenti, sia SMD (montaggio superficiale) che TH (attraverso foro) sulla faccia superiore del PCB (circuito stampato), in modo da semplificare il montaggio e la saldatura.

Condizioni d’uso

Data la natura sperimentale e non commerciale del progetto, questo viene fornito così com’è, con i suoi pregi e i suoi difetti e, benché sia difficile pensare a danni o situazioni di pericolo che possano essere provocate da questo piccolo robot, l’autore e i suoi collaboratori declinano ogni responsabilità.

Il progetto può essere liberamente scaricato, utilizzato e modificato per qualsiasi uso a patto che sia citato il nome dell’autore e che sia riportato il link alla pagina facebook di ArtigianatoRobotico.

Sarebbe veramente gradito se gli utilizzatori scrivessero sulla stessa pagina qualche riga circa il tipo di impiego e le eventuali modifiche o aggiunte apportate, che potrebbero essere integrate nella documentazione nel caso fossero giudicate di interesse generale.

Lagorino è in costante evoluzione per cui si invitano gli interessati a seguirne gli sviluppi e gli appuntamenti di gara su ArtigianatoRobotico o sul sito ufficiale del gruppo robotico di Langhirano (PR) www.robomakerslab.it.

Downloads

Galleria



Questo articolo ti è stato utile? Ti ha permesso di risolvere un problema o di migliorare le tue applicazioni? Ci lavori? Ti ha permesso di scrivere la tua tesina? Ti ha semplicemente fatto spendere un po' del tuo tempo in maniera costruttiva? Allora clicca il banner qui sotto:


Settorezero.com è un blog personale di Giovanni Bernardo aperto dal 25 Ottobre 2007. Non è una testata giornalistica né un sito a carattere commerciale.
Settorezero.com, il logo Zroid™ e la tagline "Play embedded electronics™" sono copyright ©2007÷2018 Giovanni Bernardo.
La navigazione su settorezero.com e la fruizione dei contenuti ivi presenti sono soggette ai seguenti Termini di utilizzo - Informativa sulla privacy - Utilizzo dei Cookie.
Il tema di questo sito è basato sul tema Fusion per wordpress, realizzato originariamente da digitalnature e fa uso del plugin Wassup per il computo delle statistiche.
Per poter contattare il gestore del sito potete utilizzare la sezione contatti o inviare una email a gianni[at]settorezero[dot]com.
Per seguire gli aggiornamenti del blog Settorezero, oltre al feed RSS, puoi anche seguire la pagina Facebook o iscriverti al canale Telegram.
Su Twitter, invece, pubblico un po' di tutto e, quando mi va, uso anche Tumblr - Google+ - Blogspot - Youtube.